Bellini Teatro Factory

Nel 1990 il maestro Tato Russo che, con molta lungimiranza, decise che anche Napoli,
città da sempre culla del Teatro e dei teatranti, dovesse avere la sua accademia professionale
per aspiranti attori, fondò l'Accademia del Teatro Bellini e ne progettò la struttura didattica.
Per 9 trienni, l'Accademia, gratuita e a numero chiuso, ha offerto a circa 200 giovani aspiranti attori
gli strumenti per inserirsi sulla scena professionale, mediante un percorso didattico che si prevedeva lezioni
in aula – tenute da personalità del mondo del Teatro e della Danza – e esperienze di scena in seno ad alcune
produzioni del Teatro Bellini.
L'Accademia nei suoi oltre vent'anni di attività, ha formato artisti che oggi calcano le scene dei più importanti
teatri del Paese.

A partire dal 2016 è stato ripensato il modello accademico con una modalità che fa tesoro dell'esperienza
dell'Accademia ma che, al tempo stesso, intercetta e interpreta il cambiamento dei tempi e le mutate necessità
degli aspiranti professionisti del Teatro.

L'Accademia è diventata la Bellini Teatro Factory, un luogo in cui alla didattica è affiancato
un percorso di lavoro e di ricerca caratterizzato da obiettivi concreti, un luogo in cui si dà spazio alle idee
degli allievi,  in termini di creazione letteraria, scenica, audiovisiva ecc. Cercando di essere vigili e in ascolto
circa l’evoluzione in atto del mestiere dell’attore e del Teatro in generale, gli allievi fanno parte della struttura
a tutto tondo, al fine di conoscere la macchina teatrale in tutti i suoi aspetti e momenti, da quello creativo
a quello dell'organizzazione, da quello produttivo a quello della comunicazione. Inoltre, è stato introdotto
un approfondiremo del lavoro sull’audiovisivo prevedendo insegnamenti sulla produzione di contenuti artistici
che rispondano alla specificità dei singoli allievi. Bellini Teatro Factory è sì una scuola, ma anche e soprattutto
un laboratorio di idee su cui lavorare in gruppo, in modo da valorizzare le diverse peculiarità degli allievi.