Molière: la recita di Versailles

Molière: la recita di Versaillesdi Stefano Massini con Paolo Rossi regia Giampiero Solari

Stefano Massini, autore apprezzatissimo in Italia e all'estero, del quale ricordiamo Lehman Trilogy, il testo dell'ultimo magnifico allestimento di Luca Ronconi, firma la riscrittura de L'Improvvisazione di Versailles, la commedia che fu esplicitamente richiesta a  Molière da Luigi XIV nel 1663. «Cosa accade se il Re in persona esige una commedia che debutti in sua presenza la sera stessa? – osserva lo stesso Massini – Nasce il dramma del capocomico: restare lucido, sfruttare il genio, correre contro il tempo e partorire in men che non si dica un capolavoro. In questo caso la crisi è a un passo. Perché tutto filerebbe molto più liscio se il nostro monsieur Molière avesse la testa sgombra, senza le angherie dei suoi avversari, senza le sfuriate delle sue donne, senza i morsi del portafogli e delle mille quotidiane trappole. Basterebbe un po' di pace, al capocomico. E allora sì che Sua Maestà avrebbe la sua recita. O meglio: un'ipotesi di recita. Una traccia? Un'improvvisazione, ecco. Tentare è tutto. Senza paracadute». E così, partendo dall'Improvvisazione, Massini disegna un anarchico viaggio nel tempo, scandito da folgoranti estratti di altri tre capolavori di Molière: Il Misantropo, Il Tartufo e Il Malato immaginario nasce così Molière: la recita di Versailles, per la regia di Giampiero Solari. In scena un nutrito gruppo di attori guidati dal capocomico per eccellenza, Paolo Rossi, che qui sarà “sdoppiato”: interpreterà, infatti, sia Molière che sé stesso intento a capitanare la sua compagnia. Lo spettacolo, creato e ricreato ogni sera dall’estro di Paolo Rossi e dalla sua agguerrita truppa di 12 attori, dalle musiche originali composte da Gianmaria Testa e eseguite dal vivo dai Virtuosi del Carso, è un divertentissimo gioco di rimandi e parallelismi che, nel suggerirci lo strettissimo rapporto tra l’uomo Molière e le sue opere, ci racconta le attualissime difficoltà del dietro le quinte di una compagnia costretta ad allestire uno spettacolo in fretta e furia.    

durata 2h e 30 min. compreso intervallo