Don Giovanni di Mozart

Don Giovanni di Mozartsecondo L'Orchestra di Piazza Vittorio

L’Orchestra di Piazza Vittorio - che è nata in seno all'Associazione Apollo 11 ed è stata ideata e creata da Mario Tronco ed Agostino Ferrente - torna al Teatro Bellini con il Don Giovanni presentato a Lione nel giugno 2017. Nelle sue mani Don Giovanni, il simbolo della seduzione maschile, si trasforma in allegoria del gioco dell’attrazione. E’ per questo che a vestire i panni del protagonista vedremo Petra Magoni, la “regina della notte” del loro Flauto magico. La regia di Andrea Renzi e la direzione musicale di Mario Tronco creano un meccanismo perfetto in cui le note di Mozart convivono con le principali esperienze musicali del ’900, come il jazz ed il rock, passando per la disco music e il reggae. «Siamo abituati all’idea di un Don Giovanni burlone, che si finge spesso un altro – racconta Mario Tronco – il travestimento, la mascherata sono le tentazioni per lui irresistibili. Si direbbe, per dirla con le parole di Fedele d’Amico, che egli inganni le donne non tanto per il piacere di conquistarle, ma che si prodighi a conquistarle per il piacere di ingannarle. Amare le donne e diventare ogni volta un altro. Potrebbe essere una definizione del Teatro come luogo in cui esseri in carne ed ossa si fingono altri. Il nostro Don Giovanni parte però da presupposti diversi. L’idea è quella di sempre: rappresentare sé stessi nei panni di altri, recitare il ruolo di sé stessi con le parole e il carattere di personaggi di fantasia».

 

Durata 80min.senza intervallo